Macine a pietra naturale,

per fare un salto nel passato

L’impianto di macinazione è costituito da due macine a pietra risalenti al 1929 opportunamente restaurate e riportate al loro originale splendore. La parte restante: pulitore e plansicther è stato costruito dalla ditta Visentin Antenore di Treviso. Il moderno strettamente concatenato con l’antico… come tutto il nostro progetto.

Il grano coltivato nei nostri campi viene stoccato in silos di vetroresina che garantiscono un’ottima conservazione, grazie anche all’impianto di trasporto a catena che ci permette di muoverlo e di arearlo.

Dai silos viene portato all’interno dell’edificio dove entra nel pulitore combinato che ha il compito di separare la polvere e i grani estranei di piccole dimensioni, separare corpi estranei ed eventuali corpi ferrosi, spazzolare il grano per rimuovere la polvere ed effettuare una leggera decorticatura riducendo di fatto la carica batterica e la presenza di muffe. Da qui, il grano pulito, attraverso una coclea, va in un miscelatore/umidificatore che ha il compito di dare l’acqua necessaria per renderlo più morbido e consentire una migliore separazione della crusca dalla farina.

Dall’umidificatore alla macina in pietra: il vero gioiello di tutto l’impianto. Trovata per puro e fortunato caso, attraverso internet in un piccolo paese in provincia di Pescara. Era chiusa in una vecchia rimessa e forse stava aspettando noi.

È stato un “amore a prima vista” e il giorno dopo averla vista eravamo sul posto per smontarla e portarla via. Operazione complicata e faticosa e forse anche rischiosa. La domanda che ci correva veloce nella mente era: tornerà a funzionare? Da quel giorno è iniziato un lungo percorso di restauro e meccanizzazione che ha portato ad un risultato ottimale.

È arrivato poi il momento di rimetterla in funzione e grazie ad un nostro caro amico mugnaio è stato possibile ascoltare il rumore delle pietre che si sfioravano per macinare il grano: davvero emozionante!

Il prodotto macinato (farina grezza) viene trasportato, attraverso una linea di trasporto pneumatico al plansicther: macchina costituita da una serie di setacci che separano la farina dalla semola e dalla crusca.

Tutte queste operazioni avvengono in assoluta assenza di polvere nell’ambiente circostante grazie a filtri (cicloni) che raccolgono la polvere e la portano all’esterno dell’edificio.

La farina che otteniamo da questo impianto di macinazione è di “tipo 1” e la utilizziamo per creare tutti  i nostri prodotti. È una farina che contiene il germe di grano e particolarmente ricca di fibre, dal sapore antico, profumato, e molto, molto nutriente.

© 2012 Agricola Lucarelli di Lucarelli Gian Piero  •  P.IVA 03050040546  •  Tutti i diritti riservati  •  All rights reserved   •  Credits